Solidarietà Tributaria eredi si applica solo alle imposte sui redditi


Cassazione sezione 5 Tributaria sentenza sentenza n.  22426 del 22/10/2014

Un problema complesso per le innumerevoli norme e confusione giuridica si pone  per la solidarietà tributaria (ossia ogni erede che può paga per gli altri)  per i debiti del de cujus (ossia del defunto)  nei confronti dello Stato e degli Enti pubblici per le Imposte tasse e sanzioni siano esse tributarie o amministrative. In linea generale possiamo affermare, che la solidarietà tributaria è prevista soltanto per le imposte sui redditi e non per le altre imposte e tasse per la quale c'è la ripartizione pro quota e le sanzioni non sono trasmissibili agli eredi .
 In effetti, come la Cassazione ha avuto in più  occasioni di chiarire, in mancanza di norme speciali che vi deroghino deve esser applicata la comune regola della ripartizione dei debiti ereditari pro quota di cui agli artt. 752 e 1295 c.c. (Cassazione sezione 5 Tributaria sentenza sentenza n.  22426 del 22/10/2014 - Cassazione sezione Tributaria sentenza n. 780 del 2011 ).
Nella fasttispecie in analisi alla cassazione si trattava di un imposta di registro non derivante da denuncia di successione la Suprema Corte ha stabilito i seguenti prinicpi:
Non è applicabile la regola speciale della solidarietà dei coeredi di cui al D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, art. 65, soltanto predisposta per i debiti contratti dal de cuius relativamente al mancato pagamento delle imposte sui redditi;
Non è applicabile la regola speciale della solidarietà dei coeredi contenuta al D.Lgs. 31 ottobre 1990, n. 346, art. 36, soltanto predisposta pel pagamento dell'imposta di successione;
Non è applicabile la regola speciale  della solidarietà di cui al D.P.R. 26 aprile 1986, n. 131, art. 57 (Tu Imposta di registro) , che non riguarda i coeredi non essendo altresì applicabile la regola speciale della solidarietà dei coeredi contenuta al D.Lgs. 31 ottobre 1990, n. 346, art. 36, soltanto predisposta pel pagamento dell'imposta di successione;
Non è applicabile la regola speciale della solidarietà di cui al D.P.R. 26 aprile 1986, n. 131, art. 57, che non riguarda coeredi del debitore solidale dell'imposta di registro - deve pertanto ritenersi applicabile l'ordinaria regola della ripartizione pro quota dei debiti ereditari.
Cassazione sezione 5 Tributaria sentenza sentenza n.  22426 del 22/10/2014
Commento a Cura del Dott. Giuseppe Marino difensore Tributario


STUDIOMARINOondom 09 novembre 2014 - 18:55:27
Commenti:0